Why I left DSLR for Mirrorless – and I think you should too

Feb 27, 2017

Photo, 101
Leggi in italiano

I’m one of the (amateur) photographers who left the bulky DSLRs and fell in love with mirrorless cameras. Why? If you’re thinking about go for the change too, or you don’t know what a mirrorless camera is – I didn’t know either – this post could give you a simple explanation of the differences.

At the beginning of my blogging experience, I used my mobile phone to take all the shots of my recipes. But it was 2008, therefore we’re not talking about an iPhone 7 with a 12megapixel lens! Yes, my photos were really bad. As soon as I started a seasonal job and I had my first paycheck I went with my mum to the mall to look for a DSRL. I ended up buying a basic Nikon with two kit lenses, an 18-55 and a 55-200 and I learned by myself how to use it. After a few years, I decided to upgrade my gear getting a D5200 and a 50mm f1.4. And then I met Lorenzo.

I used to simply check my most beloved bloggers’ about page to read about the camera they shoot with and their favourite lenses, and everybody seemed to use a Nikon or a Canon – mostly the second – so that’s what I thought I should use. But then he asked me “Why don’t you use a mirrorless camera?” and I was like “…wtf is it?”. If you’re in the dark like I was, I hope this post can be helpful.

First thing first : what’s a mirrorless camera? As you may know, DSLR means Digital Single Lens Reflex, that’s because of the mirror this kind of camera contains and that brings the image coming from the lens, up to the viewfinder – check this image that can be more clear than my bad explanation. A mirrorless camera simply doesn’t have the mirror. Beyond that, which are the main characteristics that can really matter to us?

SIZE

A huge pro of mirrorless cameras is their size. It used to happen so often to me that we were ready to go on a motorcycle ride and I was like “meh, my Nikon is heavy and sturdy, it barely fits in my little backpack, I’m leaving it at home”. Seriously, so often. Since I have a mirrorless, I almost always have it with me in my purse and I really enjoy shooting whenever I see something cool. This is a big thing also for professional, I especially think about wedding photographers, who stand for hours with the weight of two cameras killing their shoulders, even with proper harnesses – I ‘m 5’2″ and a tad over 100 pounds, I would die if I was in their shoes. And I also read that clients usually feel less intimidated in front of the lens if the photographer uses a smaller camera. So, in my opinion, mirrorless cameras win altogether.

IMAGE QUALITY

Let’s compare the four main brands – in my opinion, Canon, Nikon, Sony, and Fujifilm – using one of the most famous photography websites. I decided to pick the ones that seem to be the most renowned cameras for each brand, being the Canon EOS 5D Mark IV, the Nikon D810, the Sony Alpha 7R II, and the Fujifilm X-T2. Here you can see the full comparison.

The Fujifilm is the only one that’s not full-frame, and I know this is a brand’s choice, which doesn’t necessarily affect the quality ; I admit that my eyesight it not the best, but you can check this article confronting a Full-frame camera and an APS-C, both from Nikon, and judge by yourself. Anyway, pay attention when you buy the lenses because it changes a lot between full frame and APS-C sensor – read below at the end of the post*. It’s also the camera with the minor number of megapixel, by unless you need to make big prints, it’s not an issue – my Fujifilm X-T1 has 16mp and the shots at 300dpi on my 9.8″x7.6″ (25×19,3 cm) cookbook were perfect.

All four cameras can shoot in RAW format, so you can edit your shots in the best way – if you’re newbie in this subject, shooting in RAW has the pro to containing more information, so, for instance, you’re able to save the darkest part of a photo ; this means of course that a Raw shot take up more space on your SD card than a jpeg.

I shoot in manual but almost always in autofocus and having a lot of focus point can be helpful, especially when taking photos of food or products : the Canon has 61, the Nikon 51, the Sony 399, and the Fujifilm 325 : it’s quite a difference!

Another thing I find really great, especially when taking overhead shots (from above, when the lens is parallel to the table’s surface), it’s an articulated screen or at least a tilting one. Both the Canon and the Nikon have fixed screen, while the Sony’s is tilting, and the Fujifilm is completely articulated. FIY, some cheaper Canon and Nikon models have the articulated screen.

VIEWFINDER

There are two different types of viewfinder, an optical (OVF) and an electronic (EVF). The first is the one you have on DSLR : it shows you exactly what the camera sees and you can simply adjust aperture, speed, and ISO knowing how they’re going to affect the final shot and using the exposure indicator as reference. The second is the one you usually find on mirrorless cameras : it’s like a tiny little digital screen showing the final shot, based on the aperture, speed, and ISO you choose – exactly like the big screen on the back of the camera, so you can see the final shot in it. At the beginning I was like “meh” but I started loving it after just 10 seconds.

LENSES

Nikon and Canon are hugely on the market since ever, so they have a lot of lenses, at different price points, and with a pretty big used market. Sony and Fujifilm have a smaller lens choice, but they’re slowly growing – every year at least 2 new lenses are added into the market. Their quality is really good, but they’re really pricey and it’s pretty difficult to find them used, and even if you find them, they cost almost like the new ones.

BATTERY

The size of the camera affects the size of the battery too, of course. With only one charged battery you can take 900 photos with the Canon 5D mark IV, 1200 with the Nikon D810, 290 with the Sony Alpha 7R II, and 340 with the Fujifilm X-T2. So yes, wedding photographers who use mirrorless cameras usually have multiple batteries and often one or more battery grips.

SHOOTING SPEED

This feature is not essential for an amateur, but it’s really helpful when you want to shoot movements. For sports photography, for instance, it’s essential, but let’s think also about “splash photos” – let me called them in this way – or a hummingbird flying out of your window or any other kind of subject that moves a lot and quickly. More shots you can obtain in a second the best it is, right? Well, our Canon can shoot 7 fps (frame per second), our Nikon only 5, same for the Sony, while the Fujifilm, the least expensive of the group, arrives at 14 fps! So yes, there are some really fast mirrorless cameras and they’re becoming faster and faster – the Fujifilm predecessor, the X-T1 I own, arrives only at 8 fps.

*When I was looking for an improvement in my gear, I noticed that almost every blogger was using a 50mm lens, if you’re a food blogger yourself, you probably know that. The fact is that my new Nikon wasn’t a full-frame camera. What’s the difference? Full frame and APS-C are two different kinds of sensor, those who “register” the image. They have a different size and this affects the real lens length. If you own an APS-C camera, as I do, remember to always multiply the lens length for 1.5 to obtain the length it’s gonna really have on your camera – my 50mm on my APS-C camera was actually a 75mm! So, if you want to obtain the same “look” of a 50mm shot with a Canon 5D mark III, you should buy a 35mm ; if you read that the best lens for portraits is an 85mm but you own a Nikon 7200, you need to buy a 56mm or something similar. Is it clear enough? Let me know!

I hope you enjoyed this post! If you need any other more personal opinion, write a comment or send me a message on the contact form or contact me through Instagram or Facebook. I’m ready to share my huge love for mirrorless cameras with you :D
Talk soon!

Se tra di voi c’è qualcuno che seguiva il mio primo blog, Cuochetta in Punta di Piedi, probabilmente vi ricorderete i miei primi scatti. Non possedevo una macchina fotografica digitale, per cui scattavo le foto alle mie ricette con il cellulare. Era il 2008, e vorrei ricordarvi come erano le fotocamere sui cellulari di quell’era. Ehm. Dopo un certo periodo di tempo, ho deciso di fare il grande passo e complice la prima busta paga dell’impiego estivo, mi sono concessa la mia prima reflex. Sono andata con mamma al centro commerciale e ho preso quello che c’era in offerta : una Nikon con le classiche due lenti kit, un 18-55 e un 55-200. Dopo qualche anno di studio autodidatta e tante prove, ho deciso di fare un upgrade e aggiornare la mia attrezzatura, comprando una Nikon D5200 e il 50mm f1.4. E dopo qualche tempo ho conosciuto Lorenzo.

Se siete anche voi food blogger, avrete fatto lo stesso : cercare negli about di Green Kitchen Stories e similari sperando di trovare un accenno alla fotocamera e alle lenti utilizzate e puntare alla stessa attrezzatura, giusto? La maggior parte dei food blogger usano Canon, specie 5D Mark III, sporadicamente qualcuno una Nikon, tutti usano il 50mm come lente principale, quindi per me era ovvio, dovevo usare le stesse cose. Ma poi Lorenzo se ne esce con “Ma perché non ti prendi una mirrorless?” e io tipo “…una che?” (versione censurata). Se anche voi siete nell’abisso come ero io allora, questo post potrebbe aiutarvi a fare un po’ di chiarezza.

Prima cosa : che diamine è una mirrorless? Come forse sapete, le macchine fotografiche reflex si chiamano così per via dello specchio che vi si trova all’interno, che permette all’immagine di passare attraverso la lente e arrivare al mirino (date un’occhiata a quest’immagine, sarà certamente più chiarificatrice delle mie parole). Una macchina mirrorless (= senza specchio) è esattamente questo : non ha lo specchio. A parte questa differenza di cui ce ne frega poco e niente dal punto di vista pratico, quali sono le principali caratteristiche che le differenziano?

GRANDEZZA

Un immenso pro delle mirrorless è la loro misura. A me capitava spessissimo che, pronti per farci un giro in moto, decidessi di lasciare a casa la Nikon perché troppo ingombrante e pesante per il mio zainetto. E quanti scatti mi sono persa così. Da quando ho una mirrorless, non lascio quasi casa senza averla nella borsa e appena vedo qualcosa di interessante, ce l’ho ì, a portata di mano.

La differenza di taglia non è solo un punto a favore per chi, come me, è un amatore, ma anche per i professionisti. Ho letto di fotografi di matrimoni che da quando sono passati a macchine mirrorless non soffrono più di mal di schiena e arrivano a sera che si sentono meno stanchi del solito. Io non arrivo al metro e 60 e ai 50 kg, quindi capisco benissimo che due reflex appese al corpo non siano proprio un piacere. Sempre in articoli di fotografi professionisti, ho letto che spesso i clienti si sentono meno in imbarazzo davanti a una macchina fotografica più compatta, che rende lo shooting più intimo e meno “ufficiale”.

QUALITÀ D’IMMAGINE

Prendiamo come esempio le fotocamere di punta dei quattro brand più usati e conosciuti, ovvero la Canon EOS 5D Mark IV, la Nikon D810, la Sony Alpha 7R II e la Fujifilm X-T2, e mettiamole a confronto utilizzando uno dei siti di recensioni più famosi. Qui potete vedere il confronto completo.

La Fujifilm è l’unica del gruppo a non essere full-frame e so che il brand ha fatto una scelta ben precisa nel non produrne, ma questo non vuol dire che la qualità dell’immagine ne venga per forza danneggiata. Ammetto che la mia vista non è delle migliori, ma questo articolo mette a confronto le immagini scattate con una Nikon full-frame con quelle di una APS-C : giudicate da voi le differenze qualitative. Una cosa importante da sapere se decidete di acquistare, o già avete, una macchina APS-C, è la scelta delle lenti (leggete alla fine del post*). La Fujifilm è anche la macchina del gruppo con il minor numero di megapixel, ma a meno che non dobbiate fare grandi stampe, vi bastano e avanzano. Non so see avete avuto l’occasione di sfogliare il mio libro, ma comunque, le foto sono state scattate con una X-T1 che di megapixel ne ha solo 16 e le foto non sono certo sgranate (e sono stampate a una grandezza di circa 24×18 cm).

Ovviamente tutte le quattro fotocamere in questione scattano in Raw (se non sapete cosa vuol dire, raw è un formato più ricco di informazioni che vi permette di recuperare in post produzione ombre troppo scure e luci bruciate che con una jpeg sono invece perse ; ovviamente questo vuol dire che le foto pesano di più, quindi se fate molti scatti a sessione, meglio avere una SD cicciotta o averne più di una).

Io scatto completamente in manuale, ma in autofocus, e una cosa certamente utile, specie in fotografia still-life, sia che si tratti di prodotti o di cibo, è avere un buon numero di punti di fuoco. Ebbene, la Canon ne ha 61, la Nikon 51, la Sony 399, e la Fujifilm 325 : insomma, c’è una bella differenza fra reflex e mirrorless!

Altra caratteristica che cerco in una fotocamera è nello schermo. Specie negli scatti dall’alto, quelli in cui ci arrampichiamo su per la sedia per fotografare la tavola, è per me di immenso aiuto uno schermo completamente articolato. Sia la Canon che la Nikon del gruppo hanno uno schermo completamente fisso, la Sony ne ha uno tilting (non so come lo chiamino in italiano, si muove solo in una direzione), mentre quello della Fujifilm è completamente mobile. Per correttezza, c’è da dire che molte fotocamere della Nikon (e credo anche Canon) di livello più basso hanno lo schermo articolato.

MIRINO

Esistono due tipi di mirino, uno ottico (OVF) e uno elettronico (EVF). Il primo è quello che trovate sulle reflex : mostra esattamente quello che vedete a occhio nudo e sta a voi impostare lo scatto sapendo quello che fate, prendendo come punto di riferimento l’esposimetro. Il secondo invece è quello che comunemente si trova sulle mirrorless ed è una versione più piccola dello schermo sul retro, che quindi vi mostra come verrà lo scatto in base alle impostazioni che state utilizzando. All’inizio ero un po’ dubbiosa, ma dopo 3 secondi ne ero già innamorata.

LENTI

Nikon e Canon sono sul mercato dalla notte dei tempi e quindi hanno un range di lenti molto ricco e vario, sia di lunghezze focali, che di aperture, che di prezzo, oltre che un bel mercato nell’usato. Sony e Fuji invece hanno meno lenti, ne escono di nuove ogni anno, e di ottima qualità, ma sono quasi sempre piuttosto costose e quasi impossibili da trovare usate (e quelle poche che ci sono, costano quasi come nuove).

BATTERIA

La grandezza della macchina influenza ovviamente anche la grandezza, e quindi la durata, della batteria. Con una batteria piena potete fare 900 scatti con la Canon 5D mark IV, 1200 con la Nikon D810, 290 con la Sony Alpha 7R II, e 340 con la Fujifilm X-T2. Quindi si, i fotografi di matrimonio che usano mirrorless devono avere un maggior numero di batterie (e/o battery grip) di chi usa reflex.

VELOCITÀ DI SCATTO

Questa caratteristica non è fondamentale per un amatore, mentre è decisamente più importante per chi tratta fotografia sportiva o anche naturalistica, ma anche per un food blogger un po’ artistoide o a un appassionato di uccelli e insetti può tornare utile. Pensiamo ad esempio alle “splash photos” (non so come chiamarle) o ad un colibrì o a qualsiasi altro soggetto che si muove velocemente : più scatti si ottengono al secondo, meglio è, giusto? Bene, la nostra Canon arriva a 7 fps (fotogrammi per secondo), la Nikon solo a 5 così come la Sony (ma altri modelli sono molto più veloci), mentre la Fujifilm arriva a 14! Fatto sta che le mirrorless hanno ormai superato le reflex in questo campo e si stanno spingendo oltre rapidamente (la mia Fujifilm X-T1 arrivava solo a 8 fps per dire).

*Quando volevo fare un upgrade alla mia attrezzatura, ho notato che per tutti i food blogger la lente di elezione era il 50mm, se siete anche voi food blogger lo sapete bene. E quindi è quello che ho acquistato. Il problema è che la mia Nikon non era full-frame. Qual è la differenza? Full frame e APS-C sono due tipi di sensori, quelli che “registrano” l’immagine. Hanno una dimensione diversa e questo influisce anche sulla lunghezza reale della lente. Se avete una macchina APS-C come me, ricordatevi sempre di moltiplicare la lunghezza della lente per 1.5 per ottenere la lunghezza reale. Ad esempio, il mio 50mm Nikon montato su una macchina non APS-C era in realtà un 75mm! Quindi, se leggete un articolo di un fotografo che dice che la sua lente preferita per i ritratti è l’85mm, sappiate che voi dovrete cercare una lente vicina al 56mm (85 : 1.5 = 56). È abbastanza chiaro? Fatemi sapere.

Spero che questo post vi abbia chiarito un po’ le idee! Se volete pareri più personali e meno tecnici o volete farmi qualsiasi altra domanda, scrivetemi un commento qui sotto oppure mandatemi un messaggio tramite il form di contatto o scrivetemi tramite Instagram o Facebook. Sono più che pronta a mostrarvi tutto il mio amore spassionato per le mirrorless :D
A presto!

the_blue_bride