Teff flour porridge with stewed apples

Feb 22, 2017

Food, Breakfast
#dairy-free #eggless #gluten-free #soy-free #vegan #vegetarian
Leggi in italiano

Do you ever find yourself with a fruit bowl full of too many apples so that you end up with those 5-6 of them too ripened and a bit bruised here and there? This is a good way to save them with no added sweeteners and it’s perfect as topping for the easiest porridge ever.

I love bowl food – oh yeah, what a news, I wrote a cookbook about bowls – and to be honest I eat almost everything in bowls just because I like the fact the food stays warm for a longer time. And yes, pizza doesn’t fit in a bowl, so that’s one of the main reasons not to eat it. Sorry.

Anyway, serve me anything soft and in a bowl, preferably with a spoon, and I’ll eat it. I pinned this recipe from Renee’s blog as soon as it was published, but, as I always do, I waited months before trying it. I finally decided to make it as a complement to some stewed apples. Both the preparations are so easy and it’s such a good bowl for these still cold winter mornings. I’m surely going to try a savoury version of this porridge since I still have some teff flour in my pantry.

Che ve lo dico a fare, che amo il cibo in ciotola lo sapete (lo sapete, vero?) e tutto quello che non sta in una ciotola è diffilice che mi vada a genio. Si, questo è uno dei principali motivi per cui non mangio quasi mai pizza. Perché deve stare spaparanzata su un piatto piano e si raffredda in tre secondi tre. Chiedo scusa ai napoletani.Detto ciò, se volete farmi felice, servitemi qualcosa in ciotola, meglio ancora con un cucchiaio.

Ho pinnato questa ricetta di Renee non appena l’ha pubblicata, ma, come sempre, ho fatto passare secoli tra il pin e la riproduzione in cucina. La molla scatentante è stata l’esigenza di trovare un accompagamento per delle mele spadellate, che a loro volta sono nate dall’esigenza di utilizzare delle mele morenti che stavano nella ciotola della frutta da parecchio giorni. Entrambe le preparazioni sono di una facilità estrema ed il risultato è meraviglioso, perfetto per queste fredde mattine di fine inverno. Il porridge è pronto in cinque minuti e credo che potrei presto replicarlo in versione salata. Vi farò sapere!

Have you ever tried teff flour porridge? Both the technique and the liquid/flour ratio is the same of polenta : 1 part of teff flour for 4 parts of liquid. In this case, I used water and milk but feel free to use 1 + 1/3 cup of milk instead.
Il procedimento per il porridge non vi risulterà per niente nuovo : metodo e proporzioni sono le medesime della polenta ( 1 parte di farina, 4 parti di liquido ). Io qui ho deciso di usare sia latte che acqua, ma sentitevi liberi di utilizzare la somma delle dosi in latte se desiderate un prodotto finale più cremoso.

LA RICETTA

Per il porridge ho usato solo 1/3 delle mele, quelle avanzate si conservano per un paio di giorni in frigorifero. Sono perfette anche come guarnizione su un semplice yogurt o un porridge di avena.
Inspirata da Will Frolic For Food.

[ per 1 + avanzi di mele ]

per le mele stufate
alcune mele morenti – sbucciate e tagliate in quarti (360 g)
2 manciate di uvetta dorata (55 g)
1/4 cucchiaino di canella
1 pizzico di noce moscata
alcuni filamenti di zafferano
1 piccolo limone

Tagliate a tocchetti le mele e mettetele in una padella*. Aggiungete uvetta e spezie, spremetevi sopra il limone e accendete la fiamma al minimo o quasi. Coprite e fate cuocere fino a che le mele non sono tenere, ma non sfatte.

per il porridge
1/2 cup di latte di mandorle (120 ml)
1/2 + 1/3 cup d’acqua (320 ml)
1/3 cup di farina di teff (58 g)
2 cucchiaini di zucchero di cocco
1 pizzico di sale himalayano
1/4 cucchiaino di semi di sesamo nero
1/4 cucchiaino di semi di chia
1/4 cucchiaino di semi di canapa

Mescolate latte e acqua in un pentolino e la farina di teff con zucchero e sale in una ciotolina.

Portate a bollore la miscela latte-acqua, abbassate la fiamma al minimo e versate a pioggia la farina, mescolando con una frusta per evitare la formazione di grumi. Fate sobbollire per un paio di minuti, fino a quando il porridge si sarà addensato.

Servitelo in una ciotola, guarnite con parte delle mele e decorate con i semini. Buon appetito!

* Io ho usato una padella di ghisa, che a quanto pare, a contatto con cibi acidi, rilascia ferro : in pratica è come mangiare delle mele arricchite da un integratore. Non preoccupatevi, il gusto non ne risente affatto!

THE RECIPE

I used only 1/3 the portion of apples and I reserved the leftover in the fridge. They’re amazing as topping for a yogurt (I just found my favourite vegan one, yay) or a simple oatmeal.
Inspired by Will Frolic For Food.

[ for 1 + apples leftover ]

for the stewed apples
a few dying apples – peeled and quartered (360 g)
2 handfuls golden raisins (55 g)
1/4 tsp cinnamon powder
1 pinch freshly grated nutmeg
a few strands of saffron
1 little meyer lemon

Chop the apples and put them in a pan*. Add raisins and spices, squeeze the lemon and switch on the flame on low. Cover with a lid and cook until apples are tender but not mushy.

for the porridge
1/2 cup almond milk
1/2 + 1/3 cup water
1/3 cup teff flour (58 g)
2 tsp coconut sugar
1 pinch himalayan salt
1/4 tsp black sesame seeds
1/4 tsp chia seeds
1/4 tsp hemp seeds

Mix milk and water in a saucepan, teff flour with coconut sugar and salt in a little bowl.

Bring to boil the mixture milk-water, lower the flame and slowly add teff flour (in Italian we say “a pioggia“, meaning like rain) quickly whisking to prevent lumps. Simmer for a couple of minutes until it thickens.

Serve in a bowl, top with some stewed apples and sesame, chia, and hemp seeds. Enjoy!

* I used a cast-iron pan. Do you know that cooking with a cast iron, especially if it’s acid food as here, is like taking an iron supplement? As a matter of fact, the acidity of the apples and the lemon juice pulls out the iron from the pan going into the food you’re going to eat. Don’t worry, it doesn’t affect the taste!

the_blue_bride